Integrazione: un primo passo difficile

di Ilaria Rinaldi

Marzo a Monaco, non è la nostra primavera. Cammina, perdendosi nelle viuzze dietro la stazione, quasi a proteggersi dal freddo di quegli spazi aperti, o da quella lingua così pungente… come mai aveva percepito; è straniera e appena arrivata in Germania.

Michela seguirà un progetto in una Caritas del centro, è il suo primo giorno e come ogni “primo giorno” non è assolutamente pronta.
Landwehrstr. : non c’è voluto molto per capire di essere arrivata… insieme a lei, sperdute altre dieci persone che fanno la fila, che vogliono entrare, che chiedono l’elemosina, che semplicemente si sorreggono al muro per non cedere alla stanchezza. Sono italiani, rom, africani, indiani, greci e stanchi, stanchi di aspettare.
Si fa coraggio e li supera, accorgendosi che anche lei, deve incontrare l’assistente sociale che tutti aspettano, la mamma accogliente, colei per la quale i problemi non esistono senza delle legittime soluzioni.
“Alles ist hier für Frau Mastroni?” “Tutti qui per la Signora Mastroni?” chiede la segretaria, senza ricevere risposte. Apprende a quel punto che Dahra, una giovane indiana seduta vicino a lei, è da tre mesi a Monaco, e l’ultimo pensiero che le è concesso, è proprio quello d’ imparare il tedesco.
Chiacchierano per ammazzare il tempo in quelle mura, unite dall’attesa e da chi si sente spaesato. Dahra non ha una casa, non ha un lavoro, non ha soldi, ma ha tre bambini. Vuole chiedere alla Signora Mastroni se può consigliarle un posto dove dormire e lavarsi, chiedere pochi soldi per mangiare : “il pane con la marmellata che danno al binario 1 è poco, meglio di niente, ma abbiamo fame” .
Aspre parole si perdono nelle risate della Signora Rosaria: un pilastro delle attese del lunedì, quando la Dottoressa Mastroni riceve la grande folla, arrivando la mattina alle 7 per uscirne solo dopo che “tutto” è risolto.
“Quella Santa donna della Signora Mastroni finalmente mi ha fatto avere la casa popolare” afferma Rosaria; è contenta… finalmente potrà dedicarsi al cucito che tanto la rilassa e forse imparerà il tedesco. Bastano pochi minuti per cogliere che il primo vero grande problema di chi arriva in terra straniera è sapere se avrà abbastanza forze per rimanerci… dove andare? Dove stare?
“La casa qui è un vero problema” afferma stanca Gloria, una povera anima approdata da un paio di giorni… parla con la Signora Rosaria e le dice che non sa dove andare, che ha sentito che a Monaco le case sono carissime e che bisogna dare tante garanzie per affittare.
Si sente cigolare la porta: è L’assistente sociale che corre da una stanza all’altra, senza dimenticare di sorridere a chi la sta aspettando, si precipita a fare una serie di fotocopie di documenti da tradurre; uno dei tanti compiti della Signora Mastroni è quello di leggere i documenti dei suoi assistiti, di rispondere, di sostenerli.
“Dottoressa Mastroni sono Michela, la tirocinante” afferma fingendo sicurezza.
“Bene, bene vieni… iniziamo subito”.
Le ore seguenti passano, e c’è ancora tanto da fare.
Tahir è dentro la stanza, da oltre dieci minuti… cercano di capirsi, ma le differenze linguistiche rendono il compito difficile. Tahir cerca lavoro, ma in Germania non gli permesso, lo cacciano dai locali. Si scoprirà qualche giorno dopo, che è un rifugiato Politico in Italia, a cui a Monaco non è permesso lavorare.
L’unica soluzione è tornare indietro, prima di essere rispedito a “casa” dalla polizia. Ma quale casa? forse quella di Giorgio, tenero signore di 60 anni che ha dato ospitalità ad una famiglia di connazionali rischiando di essere lui stesso sfrattato, o quella di Dhara… quei dieci metri di cemento vicino al binario 1, o ancora quella di Tahir, la strada del ritorno. Nessuna di queste… perché una casa qui non c’è.
Ci sono i ricordi, tanti, ancora nitidi…quelli di chi è appena arrivato.
Anche Michela è appena arrivata, con tante energie e soprattutto con la sfrontatezza di chi vuole uscire dal guscio del proprio centro, guardando oltre il vecchio amico di sempre, per conoscere e sostenere chi probabilmente non vedrà più, dopo oggi.
E poi lì, c’è Agata… arrivata ormai da qualche settimana, con quel sorriso spontaneo, la sua filosofia buddhista e un pianto appena asciugato. Sono giorni che vaga per iscriversi al Job center… parla poco inglese e gli addetti che ci lavorano neanche quel poco.
È Stanca e ha due giorni alle spalle di cibo scarseggiante. La Signora Mastroni decide di affidarla a Michela.Dovrà accompagnarla ad iscriversi al Job center, a cercare un posto dove dormire e trovare un lavoro.
Agata ce l’ha fatta… è l’emblema di quei 15 milioni di stranieri che vivono in Germania, con le loro difficoltà, con le loro paure, ma anche con tanta speranza, la stessa che abita negli occhi della Signora Mastroni; una casa sicura… una delle poche a Monaco.} else {

  • Laura

    Un resoconto reale e toccante, Ilaria.

  • flavio

    Interessante lettura. ci racconta di come i cittadini europei siano confrontati tutti alle stesse tragicomiche disavventure.